Un aiuto comune… Un vantaggio per tutti (sugli integratori alimentari).

il

Siamo sempre convinti, oppure vogliono farci credere, che integratore alimentare sia un prodotto comunque privo di qualunque tipo di rischio. Come detto in precedenza su un articolo già pubblicato (https://seroff.eu/2017/04/07/quesito-molecola-di-sintesi-o-pianta-qual-e-piu-sicuro/) utilizzare degli integratori formulati con piante officinali, i cosiddetti “naturali”, non è sempre sinonimo di sicurezza. Tuttavia essendo dei rimedi di basso livello bisogna comunque prestare attenzione a come si utilizzano e quindi bisogna farsi consigliare da del personale che sia formato e che sia competente in questo tipo di materia.

Qualche volta possiamo notare come ci possono essere dei vari fenomeni che appaiono sul nostro corpo. Alle volte può presentarsi come una macchiolina, magari una zona rossa o rosata dove la pelle si squama, alle volte un cambio di umore, altre volte un dolore che arriva dall’interno del nostro corpo; forse potrebbe essere che questo tipo di fenomeno arrivi dal nulla, la cosiddetta “causa idiopatica”, oppure può essere portato da qualcos’altro: lo stress della vita quotidiana, una postura poco corretta, un’alimentazione non proprio completa, uno Stato non ottimale del nostro organismo. Però noi non possiamo escludere affatto che ci siano delle possibilità di interazioni tra gli integratori alimentari e magari qualche farmaco che stiamo assumendo per un qualche tipo di motivo. Le persone comuni che non hanno studiato medicina, oppure anche gli stessi operatori sanitari che, nella grandezza dell’argomento, non sono ferrati su determinati tipi di interazioni. Quindi come possiamo segnalare se c’è qualche cosa che non va? Come possiamo informare del nostro stato di salute da quando abbiamo osservato che abbiamo cominciato ad assumere un determinato tipo di prodotto?

La possibilità di segnalare questo genere di reazioni c’è; il nostro sistema sanitario nazionale ha previsto anche questo genere di possibilità e da modo a tutti cittadini e professionisti di poter segnalare, tramite una scheda e mezzo di fax, la possibilità di avere una “reazione avversa” da integratore alimentare. Questa si può segnalare al numero di fax 06-49904248 una scheda che sia il professionista sia il cittadino comune può compilare autonomamente, e la trovate a questo indirizzo: http://www.epicentro.iss.it/focus/erbe/pdf/scheda_fito.pdf.

Purtroppo bisogna comunque segnalare il fatto che molto spesso le persone, come anche i professionisti sanitari, possono passare sopra ad alcune sintomatologie dicendo “è una cosa che passa da sola…”, “Non sarà niente, non si preoccupi…”; altre volte invece qualcuno molto più scrupoloso potrebbe chiedere semplicemente “quando è cominciata questa cosa? Se lo ricorda?”, “State il caso assumendo qualche farmaco e qualche integratore, di cui magari non ha parlato con il medico?”; in questo caso se avete notato che il fenomeno si è presentato da un determinato momento in poi, consigliamo di rivolgervi sempre ad un professionista che aiuti nel chiarire la possibile causa, ma soprattutto invitiamo a segnalare. Già da molti anni l’osservatorio della fitosorveglianza ha dichiarato che purtroppo le segnalazioni sono sempre molto poche, che molto spesso le persone eliminano direttamente l’integratore senza dire che cosa è successo. A nostro avviso pensiamo che non sia mai sbagliato dare una segnalazione, piuttosto è meglio segnalare due volte in più piuttosto che ho nemmeno; il modulo verrà valutato da degli specialisti del settore che riporteranno le segnalazioni e aggiorneranno poi gli specialisti del settore. Tutto questo aiuta tutti noi nel promuovere la conoscenza delle possibilità di interazioni tra piante e farmaci.

Segnalate, segnalate, segnalate… È meglio segnalare con una scheda in più e dopo essere valutata come nulla, piuttosto che non segnalare e magari si tratta di una cosa veramente importante.

 

Dr Davide Cecchinato